DIAL M 4 MURDER

lunedì, dicembre 02, 2002


Scende una pioggia sottile mista a nevischio. E' il 2 dicembre, il freddo finalmente si fa sentire. Mi piace quest'aria frizzante, soprattutto la mattina presto, quando passeggio nel silenzio ovattato del parco alla volta dell'ufficio. C'è un colore strano, plumbeo, ma senza tristezza alcuna. Di solito è difficile scorgere anima viva, perché anche i cani si mantengono confinati nelle aiuole attrezzate. Un bisognuccio veloce prima di scappare nel tepore domestico!
Sì, è un po' come se vagassi nella mia proprietà... Lady Marta on mondays...

Il Natale si fa ogni giorno una realtà più concreta. Tappa obbligata dell'anno umanoide, con colonna sonora ad effetto. La Rinascente vomita cori di voci bianche in stereofonia fin dalle prime ore del mattino. Milano da bere tra angioletti griffati.
Da Yerevan - Armenia altri codici, altri linguaggi, altri colori, altre emergenze. Con un'innata gentilezza e un'ospitalità che vincono qualunque miseria. Invidio la sorella che viaggia in lungo e in largo laggiù, in un clima internazionale e stimolante.

Nel mio piccolo mi rendo tristemente conto di quanto ci si stia imbarbarendo. Accade, a cicli continui. Dalle stelle di epoche ricche, fulgide, eleganti e spumeggianti, alle stalle di un'approssimazione selvaggia e sempre più degradata. E così via...
In particolare, si parlava sabato sera di "gente e discorsi da metropolitana". Ne ho avuta rapida conferma in un breve tratto di corsa sotterranea (non amo molto questo mezzo...). C'è da prendere appunti per un Bestiario contemporaneo!
Mi ha colpito una coppia: lei in microgonna inguinale, ma scialba di presenza e di modi; lui spalmato sul sedile con lo sguardo più o meno perso nel vuoto. Parlavano di shopping, di stivali che la fanciulla doveva/voleva assolutamente comprarsi. Serissimi, accaniti quasi. Il colpo di scena è sopraggiunto quando la ragazza, con voce "patatosa" da Asia Argento raffreddata, ha affermato seria seria che quest'anno sarebbe andata a tutti i costi a vedere uno spogliarello. Perché, eccheccavolo, con lui o senza di lui non avrebbe perso un'altra occasione!
Storie di oggi.


Home